Iveser

JSN ImageShow - Joomla 1.5 extension (component, module) by JoomlaShine.com
Home arrow Archivio arrow Fondi documentari arrow Fondo Giovanni Tonetti
Fondo Giovanni Tonetti PDF Stampa E-mail
Buste: 23
Unità archivistiche: 205 fascicoli
Estremi cronologici: 1908-1970

Il riordino del fondo archivistico intitolato a Giovanni Pietro Tonetti (Venezia, 3 luglio 1888 - Bressanone, 21 agosto 1970) restituisce, arricchendolo,  il personaggio già descritto - come si vedrà più avanti - da Cesco Chinello, antifascista e studioso al quale si deve anche il versamento delle carte appartenute al "Conte rosso" all'Istituto Veneziano per la storia della Resistenza e della società contemporanea (Iveser) nel 1997, da lui raccolte anche grazie alla collaborazione di Francesca Tonetti, figlia di Giovanni. Dal 1997 al 2011 il fondo è rimasto custodito in alcuni scatoloni ed è stato schedato, riordinato, inventariato tra la fine del 2011 e l'estate del 2012.
Durante la schedatura è emerso come Giovanni Tonetti, laureato in "Scienze sociali" presso il Regio Istituto Superiore "Cesare Alfieri" di Firenze l'11 ottobre 1909 con una tesi "Sull'obbligatorietà dei contratti", abbia amato compilare (con una certa creatività non sempre rispettosa dell’ordine), dei dossier con ritagli di giornali, appunti manoscritti e dattiloscritti, opuscoli, riviste, corrispondenza etc., durante tutta la sua vita, che fu di impegno militante e dirigente nel Psi prima e, successivamente, dal 6 ottobre 1959, nel Pci.
Le vicende del fondo, che fu, tra l’altro, lungamente vagliato e studiato da Cesco Chinello per la stesura del bel saggio Giovanni Tonetti, il “conte rosso”. Contrasti di una vita e di una militanza (1888-1970) (Venezia, Iveser-Supernova, 1997), hanno portato allo smembramento di qualche dossier che, nel corso della schedatura, si è tentato di restituire criticamente. Dove possibile si è lasciata qualche cartella nella composizione originale, nella  convinzione che il fruitore dell'archivio potrà utilmente comprendere il modo di procedere di Tonetti, e ciò in ossequio al principio che l'ordinamento deve rispecchiare il modus operandi dell’Ente produttore, nel nostro caso una persona.
In fase di riordino si è proceduto ad individuare i momenti salienti della ricca vita di Giovanni Tonetti e si è diviso il fondo in serie, relative:

a) alla sua vita privata; (annessione alla nobiltà (1908), laurea (1909), testimonianze della figlia (1996/97), stesura dell’autobiografia “Un patrizio rivoluzionario” (1970), e altro;

b) alla militanza antifascista; (rappresentante socialista nel CLN regionale dal 1943; attivo combattente durante la Resistenza, catturato dai tedeschi fu internato nel Lager di Bolzano; nel dopoguerra tra l'altro vicepresidente nazionale dell'ANPI dal 1952 al 1956);

c) al percorso politico (a partire dal 1921 delegato della Venezia Giulia al XVII congresso nazionale di Livorno del PSI, dall'ottobre 1959 nel PCI a causa di contrasti con la linea politica di Pietro Nenni);

d) all'attività parlamentare: Costituente (25 giugno 1946-31 gennaio 1948); II legislatura (26 giugno 1953-11 giugno 1958); III legislatura (12 giugno 1958-15 maggio 1963). Suddivisa in due serie:

    a) attività in aula (31 interventi, 34 progetti di legge presentati.);

  b) attività nelle Commissioni (V Commissione Difesa dal 1 luglio 1953 al 30 giugno 1954; X Commissione Industria e Commercio dal 1 luglio 1954 al 11 giugno 1958; Commissione speciale per l'esame della proposta di legge (Gatto ed altri) n. 910: "Provvedimenti per la salvaguardia del carattere lagunare e monumentale di Venezia attraverso opere di risanamento civico e di interesse turistico", dal 15 luglio 954 all'11 giugno 1958, per la II legislatura; XII Commissione Industria e Commercio, Artigianato, Commercio Estero dal 12 giugno 1958 al 30 giugno 1959; X Commissione Trasporti, Poste e Telecomunicazioni, Marina Mercantile dal1 luglio 1959 al 30 giugno 1961; V Commissione Bilancio e Partecipazioni Statali dal 1 luglio 1961 al 15 maggio 1963 per la III legislatura;

e) all'impegno negli enti locali (Comune di Venezia 1946-1951; Sindaco del Comune di Cona nella seconda metà degli anni '50);

f) al materiale informativo (si segnala in particolare un grande interesse per lo sviluppo del comunismo cinese);

g) a documentazione di incerta attribuzione, risalente ai primi  anni '70 e relativa ai gruppi extraparlamentari di matrice marxista-leninista, non riconducibile a Giovanni Tonetti sia per il fatto che egli scomparve nell'agosto del 1970, sia per le diciture scritte con grafia non sua.

I fascicoli sono raccolti cronologicamente secondo le serie sopra descritte, sono inoltre numerati per serie.

Nella stesura dell'inventario si è cercato di seguire il più possibile le norme standard di descrizione archivistica, utilizzando l’intitolazione del fascicolo originale, ma in alcuni casi si è dovuto intervenire criticamente, attribuendo denominazioni coerenti con i contenuti del fascicolo.

 

Compilatore: Marta D'Agostino Tortorella (2012)

Nota bibliografica: G. Tonetti, Un patrizio rivoluzionario, Venezia 1970; C. Chinello, Giovanni Tonetti, il “conte rosso”. Contrasti di una vita e di una militanza (1888-1970), Venezia, Iveser-Supernova, 1997.

 
< Prec.   Pros. >
Iveser © 2017 - Giudecca 54/P, 30133 Venezia - c.f. 94019850273 - 041 5287735 - Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo
Free Joomla Templates